Agire. Un laboratorio teatrale in carcere

Sto cercando finanziamenti per un progetto rivolto ai detenuti del carcere di Noto(SR) che vogliano sperimentarsi attraverso il gioco del teatro. 

Il progetto si chiama Agire, radice latina (agere) della parola Attore. Agire è un percorso teatrale della durata di un anno.

__________________________________________________________________________

Per donazioni di 5,00 – 10,00 – 15,00 – 20,00 …. euro, quello che puoi:

IBAN: IT54 L076 0103 2000 0006 2666 011

Denominazione della banca: Poste Italiane

Intestato a: Mignemi Leo

Causale: Progetto Agire

___________________________________________________________________________

Per donazioni on-line clicca qui

___________________________________________________________________________

COSTI

Il progetto prevede, al primo anno, una spesa di circa 3.700,00 euro.

A regime, a partire dal secondo anno, la spesa annuale sarà di circa 2.500,00 euro.

Prevediamo di raccogliere circa 1.200,00 euro con donazioni dirette (singole persone, piccole attività, piccoli bandi ecc.) e circa 2.500,00 euro on-line

Il progetto partirà a Gennaio 2016

Con la pratica teatrale, il detenuto vede mutare il tempo della sua detenzione, la percezione di sé, del mondo e della propria biografia. Ecco allora mutato il capitale sociale in termini di sicurezza, tema quanto mai al centro dell’attenzione del cittadino.

________________________________________________________________________________

Sia chiaro, detto da un professionista che lavora nel teatro come me, si può condurre un laboratorio teatrale in carcere anche senza finanziamenti. Il problema è che diventa un’attività amatoriale, di bassa qualità e si va incontro a mille problemi. Per dirne qualcuno:

– non hai i soldi per i costumi e quindi non puoi mettere in scena opere del teatro greco, latino, Rinascimentale, la Commedia dell’Arte o anche grandi autori come Shakespeare, Goldoni, Moliere o Pirandello;

– non hai soldi per le scenografie e quindi devi sperare in qualche oggetto che amici e parenti non usano più o magari rovistare in discarica;

– non hai un impianto luci perché ovviamente costa troppo

– non hai il mixer per la programmazione delle luci;

– non hai un impianto stereo idem come sopra;

– con mille difficoltà gestisci tutte le piccole spese quali comprare libri, fare fotocopie, gestire la cancelleria ecc ecc

– infine c’è il mio lavoro, io vivo di teatro e, come tutti, mangio e vivo ogni giorno

Fai una donazione per il teatro in carcere affinché il nostro lavoro possa svolgere la funzione di riabilitazione sociale così come indicato nell’Art. 27 della Costituzione Italiana.

Per info: farteatro@gmail.com

Link al progetto

Annunci

Informazioni su Leo Mignemi

farteatro.altervista.org
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Sul nostro futuro e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Mi farebbe molto piacere se volessi lasciare qui un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...