Diario acquisto scooter elettrico a Milano #12 – Elenco problemi

Nel passato fine settimana c’è stata una congiuntura elettrica.

Sabato 24, il 4° caricabatterie si è fuso.
Domenica 25, si è dissaldato il filo rosso della spina di attacco del 5° caricabatterie alla batteria. Il fusibile, inoltre, non ne voleva sapere di uscire.

Per fortuna avevo la batteria carica, per cui lunedì pomeriggio sono andato dal rivenditore (Madmotor). Lì mi hanno sostituito i due caricabatterie dicendomi – ATTENZIONE ATTENZIONE – che c’è in giro una partita di caricabatterie difettosi. Allo stesso tempo, però, mi hanno anche detto che, tra tutti i clienti di Milano e Roma, questo problema capita solo a me. Mi sono permesso di dire di essere in contatto via Internet con altri clienti ZEM e che so che almeno uno di loro ha lo stesso mio problema. Gli ho anche dato la stampa di questa foto presa qui. Si sono tenuti la foto, forse per indagare ?

A oggi, ecco l’elenco dei maggiori problemi riscontrati:

12/12/2012 Dopo due settimane, ritirato motorino elettrico da Madmotor per problemi al manubrio, alle luci, al clacson, al bauletto e per il distacco di parte di una chiappa.

11/01/2012 Consegnato motorino a Madmotor per controllo vibrazioni manubrio e rottura 1° caricabatterie (Km percorsi 1260).

30/01/2012 Il 2° carica batterie si è bruciato (Km percorsi 1842).

14/02/2012 Bruciato il 3° caricabatterie (Km percorsi 2414).

15/02/2012 Consegnate le mie due batterie a Madmotor per controllo. Ritirata batteria di cortesia. (Km percorsi 2433)

05/03/2012 Lasciato motorino a Madmotor per rottura porta bauletto. Ritirato loro motorino di cortesia (Km percorsi mio motorino 3123 di cui 690 con batteria di cortesia).

24/03/2012 Fuso il 4° caricabatterie (Km percorsi motorino Madmotor con batteria Madmotor 861).

25/03/2012 Dissaldato filo attacco tra 5° caricabatteria e batteria (Km percorsi motorino Madmotor con batteria Madmotor 926. In questo momento sono senza caricabatterie).

26/03/2012 Portati il 4° e il 5° caricabatterie a Madmotor, sostituiti con 6° e 7° caricabatterie. Saputo della partita di caricabatterie difettosi. (Km percorsi motorino Madmotor con batteria Madmotor 949).

Ultima nota: mentre il rumore generato dalla ventola del 6° caricabatterie è identico ai 5 precedenti, la ventola del 7° ne produce uno diverso, più “morbido” e “soffuso”. Ho il sospetto che il 6° caricabatterie faccia parte della partita difettosa. Vedremo tra 600-800Km …

Annunci

Informazioni su Leo Mignemi

farteatro.altervista.org
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Scooter elettrico e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Diario acquisto scooter elettrico a Milano #12 – Elenco problemi

  1. albid ha detto:

    Ciao io ho il tuo stesso modello, acquistato prima di natale sempre da Madmotor e funziona tutto alla perfezione caricabatterie compresi. L’utilizzo che ne faccio è di 30/35 km al giorno da solo o con passeggero, non ho notato difetti strutturali né di funzionamento delle batterie e dei caricabatteria, è solo un po’ difettoso il manico di una delle due batterie che non aggancia bene quando lo si tira su a “valigetta”, mentre funziona bene trascinandolo a “trolley”.
    Nell’insieme sono molto contento dell’acquisto e soddisfatto della qualità dello ZTL.S.54.

  2. ccrissz7 ha detto:

    Ciao Leo, intanto mettila cosi’ , un problema di quel tipo è facile da risolvere in quanto esterno allo scooter, peggio sarebbe stato avere problemi di batterie o centralina etc..
    Ho letto il post di jumpjack che segnala lo stesso problema, quindi è evidente che la partita di carica batterie è ben piu’ ampia di quello che ti dicono. E’ incredibile che sistematicamente si rompano tutti e che non siano giunti ad ancora una soluzione. Come dicevo a Jumpjack, alla peggio un domani se fossi fuori garanzia un caricabatterie lo puo sempre comprare a poco prezzo e che funziona!! Ma questo problema te lo devono assolutamente risolvere i venditori.

    In bocca al lupo

  3. jumpjack ha detto:

    A proposito del filo che si è staccato dalla spina: siccome immaginavo che un giorno o l’altro sarebbe successo pure a me, perchè sono filini proprio piccini, ho deciso di legare il cavo nero alla spina con un giro di nastro isolante, così non si sforzano i filini.
    Finora ha funzionato.

    Pero’, cribbio, anche tu hai un bel record di caricabatterie, pensavo di essere il solo!!
    Forse allora la partita nuova sarà quella con i barilotti di ferrite, chissà?

    Ho scritto ai cinesi due volte negli ultimi mesi, ma non mi rispondono mai…

  4. GianniTurbo ha detto:

    io ho scritto ai cinesi per avere una quotazione della batteria…

  5. gianni(turbo) ha detto:

    andando oleggermente off topics, andando a visionare uno scooter zem usto ho notato una differenza di dimensioni di dimensioni della gomma posteriore tra il libretto di circolazione e la realtà.
    in pratica dietro da libretto monta 3,5 x 10 mentre sullo scooter c’erano le 3 x 10
    in una situazione del genere forse di polizia e revisioni potrebbero crearti problemi, verifica.

  6. vicious ha detto:

    Ciao, sto seguendo con interesse il tuo diario di acquisto di uno scooter elettrico.
    Anch’io sono interessato all’acquisto,oddio l’idea principale era la Reanault Twizy, ma l’ho provata domenica dal

    concessionario e sensazioni positive quanto vuoi: la macchinetta è scattante, veloce e sicuramente si fa notare ma quasi

    9mila euro per la versione più accessoriata sono un pò troppini, se poi ci aggiungi anche il nolo batteria, e metti sul

    contoaltare una qualità dei matariali non al top… comunque penso sia un buon inizio. Se in Renault rivedono al ribasso i

    listini e le strategie di marketing potrei farci un pensierino..
    Veniamo agli scooter; ho notato che praticamente non esiste una radicata rete di vendita e tutto praticamente viene fatto via

    internet; io abito in Sardegna e l’unico rivenditore presente sulla mia isola vende il “Maestrale” che non mi ispira

    moltissimo, la centralina a vista è propio brutta senza considerare che questo scooter penso sia propio una “cinesata” lo

    producono un sacco di ditte praticamente identico:-(
    Guardando nel web la mia scelta è ricaduta soprattutto su due modelli:”l’ecojumbo” e lo “Zem ZTLSmash54”.
    L’ecojumbo mi piace molto come linea e penso sia anche qualitativamente buono, la produzione è italiana e visto come Walter,

    il presidente si fa in quattro per mandare avanti la sua “Ecomissione” sia un punto a favore. Di contro però non ha batterie

    separate, molto utili per non rimanere senza energia in viaggio (soprattutto quando queste hanno superato la metà del loro

    ciclo di vita e, se succede come nei telefoni si spengono con la carica all’80%, questa non è una bella cosa), senza contare

    che io ho un tetto fotovoltaico quindi prerferirei caricare almeno una batteria durante il giorno, quando sto producendo, e

    non durante la notte quando sono costretto a comprare energia. Per finire questo scooter monta batterie al piombo meno

    costose ma con meno cicli di ricarica.
    Lo “Zem ZTLSmash54” mi piace un pò meno come design, ma questa è una considerazione personale, mentre mi attira molto il

    fatto che abbia batterie separate per il motivo che ho spiegato prima, anche se facilmente removibili (soprattutto dai

    malintenzionati) anche se penso si possa ovviare a questo problema (con una piccola modifica fai da te tipo chiusura con

    lucchetto o simile), unica cosa ho letto che dopo l’acquisto ti ha dato un pò di problemi, soprattutto ai caricabatteria,

    visto che qua nella mia zona non esistono rappresentanti/concessionari, quindi dovrei giocoforza sempre rivolgermi al loro

    sito, volevo sapere se poi questi problemi sono facilmente risolvibili, magari con l’aiuto di un amico elettricista?
    P.S. Come definiresti la qualità dello scooter tu che lo possiedi? Dal punto di vista assicurativo hai avuto l’agevolazione

    del 50% in meno, nel web si parla di assicurazioni attorno ai 150 euro?
    Grazie anticipatamente per la risposta

    • jumpjack ha detto:

      >Lo “Zem ZTLSmash54″ mi piace un pò meno come design, ma
      >questa è una considerazione personale, mentre mi attira molto
      >il fatto che abbia batterie separate per il motivo che ho spiegato
      >prima, anche se facilmente removibili (soprattutto dai malintenzionati)
      >anche se penso si possa ovviare a questo problema (con una
      >piccola modifica fai da te tipo chiusura con lucchetto o simile),
      Le batterie degli Zem sono chiuse a chiave sotto il sedile. Non è una gran serratura, ma comunque meglio che sulle biciclette, dove le batterie estraibili sono a vista!

      In Sardegna hai il rivenditore di Ecostrada: hanno OTTO modelli diversi di scooter!

  7. jumpjack ha detto:

    P.S.
    Anche alcuni Ecostrada hanno batterie al litio estraibili. Ed esistono anche le versioni con batterie a supercondensatori! Chiedi, informati… compratene uno e poi dicci come funziona! 😉

    • Anonimo ha detto:

      si hanno aperto da poco un negozio a Tortolì a circa un’ora di macchina dal mio paese. Penso che andrò a trovarli, anche se l’unico modello che piace alle mie “tasche” è appunto il “maestrale” ma la centalina a vista propio non la digerisco

  8. leomignemi ha detto:

    Le auto elettriche purtroppo sono ancora d’élite perché troppo costose. Gli scooter sono sicuramente più abbordabili.

    A parte il caricabatterie, il problema principale del mio motorino elettrico riguarda la distribuzione e la qualità. Il mezzo è cinese. Questo implica materiali non ottimi e manufattura un po’ approssimativa. Senza minimamente scadere in nazionalismi – che mi sono mooolto distanti – io prediligerei mezzi italiani. Purtroppo però in Italia sembra non ci siano case intenzionate a produrne uno di qualità. C’è un interessante articolo di jj qui, leggilo se ti va (http://jumpjack.wordpress.com/2012/03/21/test-su-strada-scooter-elettrico-oxygen-lepton/).

    Eviterei inoltre motorini con batterie al piombo perché tecnologia vecchia. Sono da prediligere batterie al litio.

    Non potendo scegliere un mezzo italiano e non avendo un distributore interessante nei tuoi paraggi, io andrei su un mezzo europeo (almeno in parte) come l’emax 120S (http://www.e-maxitalia.it). Io purtroppo non ho potuto comprarlo perché non ha le batterie estraibili (io non ho un posto dove caricare).

    Per quanto riguarda eventuali furti, è in realtà un falso problema. Nessun ladro ruberebbe mai un motorino elettrico (nessun ladro sano di mente, ovviamente :)) Personalmente, tengo il mio in strada da novembre ’11 senza blocco al manubrio, senza alcuna catena, con una batteria più o meno sempre inserita: mi porto in casa solo il caricabatterie. Non sono neanche assicurato per l’incendio e il furto (a proposito, non ho avuto alcuna agevolazione sull’assicurazione che pago ben € 266,50) e fino a ora è stato “ispezionato” dai ladri due volte. Nella prima mi hanno forzato il bauletto, evidentemente cercando lì un casco che ovviamente non c’era. Da allora lascio il bauletto sempre aperto. Nella seconda hanno forzato la sella spaccandone il punto dove fa leva. Non hanno toccato nulla, neanche la batteria. Da allora lascio anche la sella sempre aperta.

    Scrivi che hai un impianto fotovoltaico (uahoo!!! complimenti :))) e che vorresti giustamente sfruttare il giorno per caricare una batteria mentre usi l’altra sul motorino. L’idea è fantastica e due batterie estraibili sarebbero l’ideale e quindi lo ZEM. Aggiungo un però: dopo tutti i caricabatterie fusi, non lascerei MAI il caricabatterie ZEM alla presa elettrica se non c’è nessuno in casa !!!

    Grazie per avermi scritto e resta in contatto 😉

    • vicious ha detto:

      Ciao Leo, la scelta del fotovoltaio è stata mooolto ponderata ma alla fine l’ho realizzato, credo in questo nuovo tipo di energia, propio per questo vorrei iniziare a risparmiare seriamente… alla fine vendo energia all’enel che la paga 9 centisimi a watt poi vadi a comprare gasolio a 1.75 euro non ha senso… ecco perche voglio un mezzo elettrico.
      Fortunatamente ho un cortile quindi la batteria ricaricherebbe non in casa, anche se il salvavita del tetto è molto sensibile.. bastano 4 gocce per farlo scattare..
      Riguardo ai furti, pensavo che i ladri fossero più intenzionati a rubare le batterie per rivenderle magari se Ebay, non l’intero motorino…
      Evidentemente il mercato tira poco:-)

Mi farebbe molto piacere se volessi lasciare qui un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...